Rimozione del Tabernacolo: la Chiesa ubbidisce agli ordini della Massoneria

Il Bene vincerà

tabernacoloC’è un inquietante documento che circola. Non è da oggi che è stato reso pubblico e  molti –moltissimi- lo han letto ma bisogna dire che non gli è stata data la attenzione che esso meriterebbe. Trattasi di un piano, un preciso piano, elaborato dalla massoneria, per distruggere la Chiesa Cattolica. Esso, naturalmente segretissimo, venne alla luce dopo che un sacerdote francese, avendo abiurato da quella infernale setta, decise di renderlo pubblico.

Egli stesso lo seguiva quando faceva parte della loggia ed è certissimo che ancora oggi esso viene seguito in tutti i suoi punti dagli ecclesiastici (preti ma anche vescovi e cardinali) che, tradendo Gesù Cristo e la Sua Chiesa, ubbidiscono alle direttive della fecale massoneria.

Basta dare una occhiata, anche veloce!, per rendersi conto di come effettivamente tali direttive, contenute nel piano, sono state eseguite: è sufficiente entrare nelle chiese –quelle moderne ma non solo- per verificare gli…

View original post 2.826 altre parole

“Rimuovete una volta per tutte San Michele, protettore della Chiesa Cattolica da tutte le preghiere all’interno e all’esterno della Santa Messa”

Il Bene vincerà

Il 13 ottobre 1884, al termine della celebrazione della S.Messa, Leone XIII udì una voce dal timbro gutturale e profondo che diceva: «Posso distruggere la tua Chiesa: per far questo ho bisogno di più tempo e di più potere». Il Papa udì anche una voce più aggraziata che domandava: «Quanto tempo? Quanto potere?». La voce gutturale rispose: «Dai settantacinque ai cento anni e un più grande potere su coloro che si consegnano al mio servizio»; la voce gentile replicò: «Hai il tempo…». Profondamente turbato, Papa Leone XIII dispose che una speciale preghiera, da lui stesso composta, venisse recitata al termine della Santa Messa.

La preghiera è la seguente:

Sancte Michaël Arcangele, defende nos in proelio, contra nequitias et insidias diaboli esto presidium; imperet illi Deus, supplices deprecamur; tuque, princeps militiae coelestis, satanam aliosque spiritus malignos, qui ad perditionem animarum pervagantur in mundo, divina virtute, in infernum detrude…

View original post 103 altre parole

USCITI DA FACEBOOK. E STIAMO BENISSIMO COSI’

Il Bene vincerà

Lo avevamo deciso da un pezzo e finalmente lo abbiamo realizzato: abbiamo disattivato l’account facebook e pertanto è scomparsa la pagina FB de “il bene vincerà”. Non solo questo: disattivando l’account non vi è la possibilità di postare gli articoli anche nei vari gruppi e/o nei profili degli amici (oltre che, appunto, nella Pagina. Eppure aveva quasi un migliaio di “mi piace” e numerosissime visualizzazioni).

FACEBOOK DROGA

Ma siamo contenti così. Ci dispiace, naturalmente, non poter raggiungere tante persone. Ed infatti vi è stato un certo calo delle visualizzazioni. Ma è un calo contenuto: siamo comunque attorno ad una media di oltre settecento visualizzazioni al giorno. E’ un “prezzo” che paghiamo volentieri: uscire da un social network discutibile (e discusso. Basti pensare alle notizie emerse di utilizzo dei dati personali, ammessi dallo stesso Zuckerberg) ci da un certo sollievo.

Vorremmo dire tante altre cose su facebook. Ma ora non è il…

View original post 36 altre parole

La Storia di un’anima

il blog di Costanza Miriano

di Costanza Miriano

La mia valigia per il mare rimane sempre per ultima, si sa, è così per tutte le mamme. E poi sabato scorso tornavo dal campo del post cresima, dove dopo la mia testimonianza avevo dormito solo due ore per poi salire con i ragazzi in cima alla montagna, per celebrare la messa all’aurora. Tornata a Roma senza più chiudere occhio avevo stirato per circa dodici ore consecutive. Insomma, alla fine costumi, biancheria e libri per il mare li ho presi un po’ a caso, dall’enorme pila che incombe su di me ormai da anni.

View original post 730 altre parole

Pastori che profumano di Cristo

il blog di Costanza Miriano

di Luca Del Pozzo

C’è un vescovo, M.or Andrè Leonard, dal 2010 al 2015 titolare della diocesi di Malines-Bruxelles. E c’è un giornalista, Drieu Godefridi, che non appartiene alla Chiesa e che anzi è dichiaratamente agnostico. I due si sono incontrati, hanno discusso a lungo, il primo incalzato dalle domande del secondo, a sua volta stimolato dalle argomentazioni serrate e per certi aspetti provocatorie del primo. Ne è scaturito un libro-intervista che è un balsamo per chiunque in questa calda e chiassosa estate voglia leggere qualcosa di autentico, di vero, di bello.

View original post 3.157 altre parole